Soggetti passivi della tassa automobilistica–società di leasing

Con la sentenza n.4507 del 2012, la Corte di Cassazione torna nuovamente a pronunciarsi sulla  questione inerente l’individuazione del soggetto passivo tenuto al pagamento della tassa automobilistica. Nel caso affrontato dai Giudici di legittimità, la diatriba interessa essenzialmente due soggetti: la società di leasing proprietaria del veicolo e gli utilizzatori effettivi dei mezzi concessi in leasing.

La Corte, in tal senso, pare non aver dubbi: “in ipotesi di autoveicolo concesso in locazione finanziaria, soggetto passivo della tassa di possesso debba necessariamente essere considerato – nella vigenza del testo originario della norma medesima - il proprietario/concedente e non l’utilizzatore, titolare di un diritto (relativo) di godimento del bene, in virtù del rapporto, avente effetti obbligatori, nascente dal contratto stipulato. (….) Infine, quanto alla modifica apportata al citato art.5 del d.l. n.593 del 1982 dall’art.7, comma 2, della legge n.99 del 2009, il quale ha aggiunto, nel novero dei soggetti passivi del tributo de quo, gli “usufruttuari,acquirenti con patto di riservato dominio, ovvero utilizzatori a titolo di locazione finanziaria”, è agevole osservare che la norma, non avendo natura né interpretativa, né procedimentale, bensì innovativa e sostanziale, ha esteso solo a decorrere dalla sua entrata in vigore (15 agosto 2009) la soggettività passiva tributaria agli utilizzatori degli autoveicoli concessi in leasing”.

Si veda anche: http://www.pugliatributi.com/2011/03/auto-in-leasing-la-tassa.html

Nessun commento: