Pubblica udienza solo se l'istanza è notificata alle parti


Cassazione civile Sentenza, Sez. Trib., 30/06/2011, n. 14392



Rappresenta più di una irregolarità la trattazione della controversia tenutasi in pubblica udienza alla presenza di una sola parte ma soprattutto in assenza dell’apposita istanza ex art. 33 D.Lgs. n.546/92.
Infatti, secondo i giudici di legittimità, tale circostanza rappresenta una vera e propria lesione del diritto di difesa dell’altra parte processuale, diritto costituzionalmente tutelato dall’art. 24 Cost.
Nel caso portato all'attenzione della Corte, la richiesta di trattazione in pubblica udienza era stata avanzata da parte del Comune nelle controdeduzioni in appello. Come noto, tale atto non necessita di notifica alla controparte in quanto è sufficiente il suo deposito presso la segreteria della Commissione adita mentre, ai sensi dell'art. 33 del D.Lgs. 546/92, l'istanza di discussione in pubblica udienza dev'essere necessariamente notificata alle parti costituite.


Nessun commento: