Abbassamento dei prezzi da parte del piccolo negoziante – Legittimità dello scostamento.

Studi di settore inapplicabili al piccolo negoziante che ha diminuito i prezzi per aumentare la domanda di acquisto e concorrere con i grandi centri di distribuzione. Secondo i giudici di legittimità, in tale ipotesi, non possono trovare applicazione le presunzioni che accompagnano gli studi di settore poiché la motivazione dell’atto di accertamento parametrico emesso dal Fisco non può esaurirsi nel rilievo dello scostamento, ma deve essere integrata con la dimostrazione dell’applicabilità in concreto dello standard prescelto e con le ragioni per le quali sono state disattese le contestazioni solevate. La Corte di Cassazione dà quindi ragione al contribuente che, per giustificare lo scostamento, aveva dimostrato, già nel contraddittorio pre-contenzioso, di aver diminuito i prezzi a causa della concorrenza dei supermercati aperti nella zona sede della sua attività di ferramenta.

Corte di Cassazione n.4582 del 24.02.2011

Nessun commento: