Irap e medici di base: anche la Regionale di Torino condivide la tesi dell’esenzione del tributo

Confermando la sentenza di primo grado emessa dalla CTP di Alessandria, la Commissione Regionale di Torino ha stabilito che il medico di base che svolge la propria attività anche in una struttura associata ma comunque sprovvisto di alcun tipo di bene capitale diverso da quelli necessari ad organizzare il proprio lavoro, esercita la propria attività professionale in assenza del requisito dell’organizzazione e per l’effetto non è soggetto al tributo preteso dall’Agenzia delle Entrate.

Nella pronuncia in esame, la Commissione d’Appello ha richiamato un concetto espresso dai giudici di prime cure, secondo cui deve considerarsi elemento essenziale nell’individuazione dell’esistenza o meno di un’attività autonomamente organizzata, la necessità della presenza del professionista per l’esercizio dell’attività stessa, con l’effetto che, essendo il ricorrente un medico di base, la sua presenza era indispensabile e doveva essergli riconosciuto l’esonero dall’applicazione del tributo”.

CTR Torino n.99/28/10

Nessun commento: