Operazioni con paesi black list:grava sul contribuente l'onere della prova per la deducibilità dei costi

Per poter dedurre i costi sostenuti per operazioni intercorse con fornitori localizzati in Paesi a fiscalità privilegiata, il contribuente deve dimostrare la sussistenza delle condizioni richieste dall’articolo 110, comma 11, TUIR (imprese estere svolgono prevalentemente un'attività commerciale effettiva ovvero che le operazioni poste in essere rispondono ad un effettivo interesse economico e che le stesse abbiano avuto concreta esecuzione).
È questa la conclusione fornita dalla Suprema Corte nella sentenza n. 26298 del 29 dicembre scorso, intervenendo a favore dell’Amministrazione finanziaria in tema di onere della prova in materia di costi black list. 
 
Cassazione tributaria Sentenza 29/12/2010, n. 26298

Nessun commento: