Obbligo della firma del contribuente per il ricorso alla Ctp

Con Sentenza 23 novembre 2010, n. 23763 la Corte di Cassazione ha stabilito l’inammissibilità del ricorso introduttivo alla Ctp se manca la firma del contribuente. Non basta la firma del professionista, se questo è privo di procura, a rendere ammissibile la sentenza, a meno che tale lacuna non venga colmata nel corso del processo.
Una decisione simile era già stata presa dalla Corte, sezione civile, la quale affermava che "la mancanza della sottoscrizione nell’atto di procura al difensore della parte determina l’inesistenza delle stesso, non dell’atto di citazione di cui non è un presupposto essenziale, e quindi permette comunque di attivare il processo". Ne consegue, però, che "la sentenza è nulla per carenza di un presupposto per la valida costituzione del processo".
Corte di Cassazione n.23763 del 23.11.2010

Nessun commento: