La moglie rimane solidale anche se dall’accertamento emergono maggiori redditi frutto di reati del marito

La Corte di cassazione ha stabilito, con la sentenza n. 20856 del 08.10.2010, che la dichiarazione dei redditi congiunta vincola sempre entrambi i coniugi, che rispondono al Fisco, sia se è intervenuta la separazione legale sia se il reddito è il provento di attività illecite di uno dei due.
 La decisione della Suprema corte si inserisce nella giurisprudenza formatasi in tema di responsabilità per le obbligazioni giuridiche d’imposta derivanti dall’utilizzo della dichiarazione dei redditi congiunta.
Corte di Cassazione n.20856 del 08.10.2010

Nessun commento: