Evasione IVA all'importazione

Il reato di evasione dell'Iva all'importazione, previsto dagli artt. 67 e 70 del d.P.R. 26 ottobre 1972 n. 633, è configurabile non soltanto a carico dei soggetti che hanno importato la merce assoggettata al tributo, ma anche a carico di chi semplicemente la detiene dopo l'importazione.
Secondo i giudici, infatti, l'Iva dovuta all'importazione costituisce uno dei diritti di confine, «avendo natura di imposta di consumo a favore dello Stato, la cui imposizione e riscossione spetta alla dogana in occasione della relativa operazione d'importazione». Così, il reato di evasione di questo specifico tributo non è limitato all'ipotesi dell'introduzione della merce nel territorio doganale comunitario, ma si configura in tutti i casi in cui c'è sottrazione all'obbligo di pagamento dei diritti di confine o al compimento delle formalità doganali.
Corte di Cassazione n.42161/2010

Nessun commento: