Cartella esattoriale impugnabile solo per vizi propri.

Con Sentenza 18 dicembre 2010, n. 25614, la Corte di Cassazione ha stabilito che la cartella esattoriale è impugnabile solo per vizi propri.
Nel caso in esame, infatti, un contribuente aveva impugnato una cartella esattoriale, notificata in conseguenza di una sentenza della commissione tributaria, priva della determinazione del tributo.
La Suprema Corte ha respinto il ricorso, precisando che “la cartella esattoriale non è impugnabile per vizi dell’atto da cui nasce il debito alla fonte dell’iscrizione a ruolo della cartella”: poiché il debito deriva da un provvedimento giudiziario, dev’essere impugnato quest’ultimo con gli specifici strumenti previsti, mentre non è ammissibile il ricorso in primo grado contro la cartella esattoriale. 
Corte di Cassazione n.25614 del 18.12.2010

Nessun commento: