Plurime e concordanti dichiarazioni di terzi possono integrare una prova presuntiva

Qualora alla dichiarazione di un cliente di un'impresa costruttrice si aggiungano numerose altre dichiarazioni di altri clienti, tutte convergenti nello stesso senso del parziale occultamento del corrispettivo degli immobili venduti, tale circostanza diviene sufficiente a fornire al dato costituito dalla singola dichiarazione il riscontro concordante necessario ai fini della sua promozione al rango di prova presuntiva.
Fonte: Commissione Tributaria Provinciale di Vicenza, Sentenza 1/9/2010, n. 97/6/10
La sentenza richiamata potrebbe aprire uno spiraglio per l'ingresso di nuovi elementi di prova nel processo tributario.

Nessun commento: